martedì , luglio 17 2018
Home / Cucina / Al mercato protagonista il broccolo di Creazzo, alleato della …
Al mercato protagonista il broccolo di Creazzo, alleato della ...

Al mercato protagonista il broccolo di Creazzo, alleato della …

È il broccolo fiolaro di Creazzo il prodotto della settimana al mercato ortofrutticolo bergamasco. Si tratta di una varietà di broccolo inserita nell’elenco dei prodotti tipici veneti, coltivata sulle colline che sorgono intorno a Creazzo in provincia di Vicenza. Il nome deriva dalla presenza lungo il fusto di infiorescenze che in dialetto sono chiamate “fioi” ovvero figli.

Specialità della stagione invernale, annovera diverse proprietà benefiche per la salute e il benessere dell’organismo. Innanzitutto, è ricco di sali minerali (fosforo, potassio, ferro e calcio) e di vitamine (C, B, B2, PP, A), e per questo svolge un’azione rimineralizzante, antibatterica e cicatrizzante.

Inoltre, ha un elevato contenuto di sostanze antiossidanti che gli conferiscono una preziosa funzione anticancerogena: il consumo di questo ortaggio in buona quantità è indicato nell’alimentazione preventiva dei tumori dell’apparato digerente (colon, retto, stomaco), dell’apparato respiratorio (polmone), del seno, della prostata e dell’endometrio.

Ma non è tutto: grazie all’apporto di potassio, questa verdura è utile anche per i soggetti affetti da ipertensione arteriosa.

Dopo averlo pulito, in cucina può essere consumato a crudo in insalata anche insieme ad altre varietà di stagione, come l’indivia, oppure cotto e adoperato in svariate modalità: le ricette che si possono realizzare sono tante e possono accontentare tutti i palati. Ad esempio, è molto utilizzato per preparare sfiziose torte salate, frittate e sfornati, ma è possibile adoperarlo anche sulla pizza per darle un sapore particolare e gustoso.

Viene ampiamente usato per i primi, come condimento per pastasciutta e risotto, come ingrediente per il ripieno di ottimi tortelli o per zuppe, minestre, vellutate e originali lasagne al forno: in questo caso basta disporre in una pirofila sfoglie di pasta, coprirle con i broccoli lessati, la besciamella e cospargere col formaggio grana formando diversi strati fino a riempire la pirofila.

Per quanto riguarda i secondi piatti, è indicato per accompagnare la cotoletta, pollame e selvaggina, ma anche come contorno di bolliti e arrosti.

Più semplicemente, si può mangiare bollito, condito con olio, sale e pepe, saltato in padella o gratinato con la besciamella.

Dando uno sguardo più in generale al mercato ortofrutticolo, i volumi di prodotti movimentati durante la settimana non entusiasmano gli operatori del settore: dopo il periodo delle festività appena trascorse e la ripresa della routine quotidiana, ci si aspettava una ripartenza dei consumi più incisiva.

Sono stabili i rapporti tra domanda e offerta per le arance per le quali risulta sempre più che soddisfacente il livello qualitativo espresso dal “Tarocco”: succosissimo, dolce e ricco di vitamina C, preziosa alleata per la prevenzione e ripresa degli stati influenzali.

Invece, nella massa, emerge un crollo qualitativo riguardante le clementine con origine nazionale, solo i brand più rinomati, quelli che curano maniacalmente la selezione dei frutti, riescono ad offrire un prodotto con un livello qualitativo in linea alle aspettative del consumatore. In alternativa alla merce nazionale si rilevano già i primi arrivi di varietà più tardive spagnole e/o israeliane.

Capitolo a parte per i mandarini siciliani, attualmente, soprattutto per la varietà “tardiva di Ciaculli” si rileva un livello qualitativo più che buono con un valore di mercato che si posiziona entro livelli più che nella norma.

Per le fragole si annota disponibilità di prodotto con origine sia nazionale sia spagnola e nordafricana con prezzi che senza distinzione di provenienza risultano in evidente flessione.

Per mele e pere gli equilibri di mercato non migliorano evidenziando consumi chiaramente inferiori alle aspettative.

Intanto, volge al termine la campagna commerciale di uva varietà “Aledo” con origine spagnola.

Complessivamente, per il periodo invernale, il comparto orticolo evidenzia un’offerta abbondante sia per tipologia di varietà sia per volumi, condizione che funge da calmiere. La stagione particolarmente mite lungo i principali areali produttivi posti a sud della nostra penisola garantisce cicli produttivi piuttosto veloci con una scalarità di maturazione più simile a quella primaverile che non invernale.

Per concludere, è buono il rapporto tra qualità e prezzo di cavolfiori bianchi, broccoletti verdi, cima rapa, finocchi, bietole da coste, sedani, cicorie e radicchi, mentre sono in ulteriore diminuzione i prezzi di melanzane e zucchine.

La ricetta della settimana a cura delle nostre Amichesciroppate

Pesto di Broccoli e pomodorini

Ingredienti per 4 persone

360 g. di spachetti
1/2 broccolo
20 pomodorini
olio evo q.b.
sale q.b.
parmigiano reggiano (facolatativo)

Procedimento

Fate bollire in una capiente pentola il broccolo tagliato a cimette, utilizzate anche il gambo tanto andremo poi a frullare tutto.
Dopo 6/7 minuti da quando l’acqua riprenderà a bollire con una forchetta valutate il grado di cottura della verdura, che dovrà essere cotta.
Scolate le cimette tenendo da parte un bicchiere di acqua di cottura.
Ora mixer – mon omour- broccolo, un pizzico di sale, olio evo e qualche cucchiaio di acqua, frullate fino ad ottenere la consistenza di un pesto, all’occorrenza aggiungete ancora l’acqua di cottura che avete da parte.
In una casseruola scaldate un filo d’olio e fate saltare i pomodorini, precedentemente tagliati a metà, per qualche minuto, comunque fino a quando non si lasceranno un po’ andare.
Buttare la pasta e una volta scolata ripassatela nella casseruola con i pomodorini.
Spegnete il fuoco, aggiungete il pesto di broccolo, il parmigiano (opzionale) e serviteli.
Sono sicura vi piaceranno.
Se voleste il pesto potete anche preparalo in dose maggiore e poi surgelarlo, io faccio così.
I colori della nostra ricetta di oggi sono tutti italiani bianco, rosso e verde…. e poi diciamocelo come si mangia in italia non si mangia in nessuna parte del mondo.
I love Italy

Leggi Anche

Miglior Vignaiolo – Pasticciere 2018: ecco i vincitori

Miglior Vignaiolo – Pasticciere 2018: ecco i vincitori

Sono stati proclamati i primi tre vincitori del primo appuntamento del nuovo contest culinario “Miglior …