Home / Politica / Come va il mercato dell’auto in Italia
Come va il mercato dell'auto in Italia

Come va il mercato dell’auto in Italia

Nuovo o usato: quale scegliere? Tutto dipende, come sempre, da obiettivi, convenienza, occasioni e aspettative. E questo dilemma pare essere al centro di un mercato autenticamente a due facce: quello dell’automobile, che oggi presenta dati interessanti ma anche contraddittori. Da un lato crescono le immatricolazioni di auto nuove, ma solo per quanto concerne le flotte aziendali a quattro ruote, mentre dall’altro aumenta il trend delle vendite delle auto usate, preferite soprattutto dai cittadini, che così possono portare in garage una vettura meno costosa di quelle nuove, ma ugualmente affidabile. Eppure, la crescita del comparto automotive non basta per soddisfare i palati, soprattutto in vista delle grandi trasformazioni in arrivo in questo mercato.

 

 

Auto nuove soprattutto aziendali. Il mercato dell’auto cresce, e lo fa velocemente: questa prima metà del 2017 ha infatti portato con sé un aumento delle vendite di automobili pari al +8,91 per cento, con diverse sfaccettature molto interessanti. Nello specifico, il settore delle auto di prima mano ha conosciuto una crescita del 12,88 per cento con circa 20mila unità vendute in più rispetto al giugno dello scorso anno. Come già detto, però, la suddetta crescita ha riguardato soprattutto le immatricolazioni di auto intestate alle società, dato che il mercato delle auto nuove “cittadine” è invece in calo del -3,1 per cento.

I privati preferiscono quelle di seconda mano. Per un mercato che scende, però, ce n’è uno che sale: quello delle auto di seconda mano, le preferite dai privati. E non è casuale che le famiglie si rivolgano spesso a piattaforme online come automobile.it, che ad esempio permette di visualizzare gli annunci di auto usate a Milano. Ed ecco che l’opportunità si fa ghiotta, soprattutto perché grazie alle nuove tecnologie come Internet è molto più semplice reperire le auto desiderate, così come è semplice fare una cernita sempre più veloce e sempre più precisa. E soprattutto perché l’acquisto di una automobile usata porta un risparmio in termini di spesa di circa 14mila euro.

 

 

Il futuro imprevedibile. I dati che abbiamo visto testimoniano come il settore della compravendita auto – nuove o usate – stia conoscendo un periodo molto positivo, sia in termini di flotte aziendali che in termini di auto di seconda mano. Eppure i dati, pur offrendoci una prospettiva di oggi, non sono in grado di spiegare ciò che accadrà domani: è infatti un mercato che cambia, per merito dei big data e di grandi rivoluzioni come la filosofia della auto-mation, che sempre più spesso stanno spostando le attenzioni delle case automobilistiche verso un futuro fatto di tecnologia.

Le tendenze automotive. Ma quali sono i nuovi trend automotive che stanno prendendo piede? Innanzitutto la già citata auto-mation, ovvero la guida autonoma: le auto del futuro saranno infatti in grado di gestirsi da sole, grazie a sistemi di intelligenza artificiale frutto dell’acquisizione di alcune delle start up potenzialmente più preziose sul mercato. Basti ad esempio pensare alla Ford, che ha speso la bellezza di un miliardo di dollari per acquisire la start up Argo AI, senza poi considerare gli investimenti che stanno facendo società come Apple e Google.

Leggi Anche

La sfida catalana allo status quo istituzionale dell’Occidente …

Istituzioni ed economia Pubblicato: 21 Settembre 2017 Scritto da Marco Faraci PDF I fatti del …