sabato , ottobre 20 2018
Home / Politica / Dollaro forte, rischio politico e guerra commerciale

Dollaro forte, rischio politico e guerra commerciale

<p class="canvas-atom canvas-text Mb(1.0em) Mb(0)–sm Mt(0.

8em)–sm” type=”text” content=”Daniel Tubbs, Head of Global Emerging Market Equities di Mirabaud AM, spiega che il sentiment del rischio verso i mercati emergenti è diventato fortemente negativo negli ultimi mesi. La prima vittima è stata l’Argentina (tecnicamente un mercato di frontiera), che a maggio ha visto un forte deprezzamento della propria valuta.

Le ha fatto seguito la Turchia, che ha subito un destino simile all’inizio di agosto. Ciò è stato determinato dall’inasprimento del controllo del presidente Erdogan sulla Banca Centrale e dall’attuazione di una politica fiscale espansiva, che la Turchia non può permettersi considerati i suoi deficit gemelli.

L’Argentina ha adottato una risposta economica ortodossa alla crisi: un aggressivo aumento dei tassi interni, l’introduzione di alcune riforme fiscali e la ricerca di supporto dal FMI. Nonostante questo, la valuta ha continuato a crollare assieme ai prezzi degli asset.

La Turchia dal canto suo ha adottato un approccio diverso evitando misure correttive e attribuendo la responsabilità a fattori esogeni.” data-reactid=”22″>Daniel Tubbs, Head of Global Emerging Market Equities di Mirabaud AM, spiega che il sentiment del rischio verso i mercati emergenti è diventato fortemente negativo negli ultimi mesi.

La prima vittima è stata l’Argentina (tecnicamente un mercato di frontiera), che a maggio ha visto un forte deprezzamento della propria valuta. Le ha fatto seguito la Turchia, che ha subito un destino simile all’inizio di agosto.

Ciò è stato determinato dall’inasprimento del controllo del presidente Erdogan sulla Banca Centrale e dall’attuazione di una politica fiscale espansiva, che la Turchia non può permettersi considerati i suoi deficit gemelli. L’Argentina ha adottato una risposta economica ortodossa alla crisi: un aggressivo aumento dei tassi interni, l’introduzione di alcune riforme fiscali e la ricerca di supporto dal FMI.

Nonostante questo, la valuta ha continuato a crollare assieme ai prezzi degli asset. La Turchia dal canto suo ha adottato un approccio diverso evitando misure correttive e attribuendo la responsabilità a fattori esogeni.

<p class="canvas-atom canvas-text Mb(1.0em) Mb(0)–sm Mt(0.

8em)–sm” type=”text” content=”Sebbene Daniel Tubbs ritenga che questi due mercati siano in qualche modo unici soprattutto in termini di rispettive sfide specifiche, l’attenzione degli investitori si è chiaramente spostata al di là di essi verso squilibri più ampi all’interno di altri mercati emergenti. Ciò è stato evidenziato dal significativo indebolimento di diverse valute dei Paesi emergenti nell’ultimo mese, non aiutato da un continuo rafforzamento del dollaro e dalle preoccupazioni crescenti relative al rischio politico e dall’escalation della guerra commerciale.

I paesi che hanno sofferto maggiormente sono Sudafrica, Brasile, Indonesia e Russia.” data-reactid=”23″>Sebbene Daniel Tubbs ritenga che questi due mercati siano in qualche modo unici soprattutto in termini di rispettive sfide specifiche, l’attenzione degli investitori si è chiaramente spostata al di là di essi verso squilibri più ampi all’interno di altri mercati emergenti.

Ciò è stato evidenziato dal significativo indebolimento di diverse valute dei Paesi emergenti nell’ultimo mese, non aiutato da un continuo rafforzamento del dollaro e dalle preoccupazioni crescenti relative al rischio politico e dall’escalation della guerra commerciale. I paesi che hanno sofferto maggiormente sono Sudafrica, Brasile, Indonesia e Russia.

<p class="canvas-atom canvas-text Mb(1.0em) Mb(0)–sm Mt(0.

8em)–sm” type=”text” content=”Secondo Daniel Tubbs, questi Paesi generalmente non condividono gli stessi rischi idiosincratici di Argentina e Turchia, tuttavia devono tutti far fronte ad alcune sfide, che si tratti del rallentamento dell’economia o dell’incertezza politica. Detto ciò, ci sono altri mercati emergenti, soprattutto in Asia (come Taiwan (Taiwan OTC: a href=http://it.

finance.yahoo.

com/q?s=6549.TWO6549.

TWO/a – a href=http://it.finance.

yahoo.com/q/h?s=6549.

TWOnotizie/a) e Hong Kong) ma anche altri Paesi più piccoli (ad esempio Cile e Perù), che dovrebbero essere in qualche modo isolati da questi problemi.” data-reactid=”24″>Secondo Daniel Tubbs, questi Paesi generalmente non condividono gli stessi rischi idiosincratici di Argentina e Turchia, tuttavia devono tutti far fronte ad alcune sfide, che si tratti del rallentamento dell’economia o dell’incertezza politica.

Detto ciò, ci sono altri mercati emergenti, soprattutto in Asia (come Taiwan (Taiwan OTC: 6549.TWO – notizie) e Hong Kong) ma anche altri Paesi più piccoli (ad esempio Cile e Perù), che dovrebbero essere in qualche modo isolati da questi problemi.

<p class="canvas-atom canvas-text Mb(1.0em) Mb(0)–sm Mt(0.

8em)–sm” type=”text” content=”Autore: a href=https://www.pierpaolomolinengo.

com/ rel=nofollow noopener target=_blankPierpaolo Molinengo a href=https://www.trend-online.

com/prp/dollaro-forte-rischiopolitico-guerra/ rel=nofollow noopener target=_blankPer ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online /a/a” data-reactid=”25″>Autore: Pierpaolo Molinengo Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online

.

Leggi Anche

Scintille sul condono, Salvini accusa: “Di Maio sapeva”. Il …

rep ROMA – Dopo la schiarita in mattinata i toni dello scontro sul decreto fiscale …