lunedì , agosto 20 2018
Home / Politica / Governo, Salvini e Di Maio pronti al passo di lato per agevolarne …
Governo, Salvini e Di Maio pronti al passo di lato per agevolarne ...

Governo, Salvini e Di Maio pronti al passo di lato per agevolarne …

Matteo Salvini e Luigi Di Maio pronti entrambi a un ‘passo di lato’ per agevolare la nascita di un nuovo governo. Mentre continua la trattativa sul programma entrambi i leader si dicono disponibili a una rinuncia in prima persona. “Io mi auguro – ha detto Di Maio – che si possa far parte del governo per mettersi alla prova in prima persona, ma se serve per farlo partire io e Salvini siamo pronti a stare fuori”.

Ci sarà stasera un nuovo incontro tra Luigi Di Maio e Matteo Salvini. Lo annunciano fonti del M5s spiegando che l’incontro servirà anche a fare il punto sugli ultimi nodi rimasti aperti sul contratto di programma. Il lavoro al tavolo si aggiunge “sta procedendo bene. Siamo molto soddisfatti del lavoro che stiamo compiendo con uno spirito di fattiva ed onesta collaborazione”. E in cui ognuna delle due parti riconosce le urgenze dell’altra, aggiungono le stesse fonti.

Le delegazioni di Lega e M5s, nel corso delle consultazioni di lunedì scorso, hanno voluto lasciare al presidente Mattarella la bozza dell’accordo di programma nello stato in cui si trovava in quel momento. E’ chiaro che il presidente non guarda bozze ma testi definiti, frutto delle responsabilità dei partiti che concludono accordi di governo. E’ quanto spiegano al Quirinale a quanti chiedono se il presidente abbia ricevuto la bozza del programma.

“Entro oggi – ha detto Matteo Salvini parlando del programma – ci riaggiorniamo e vediamo se riusciamo a chiudere. Poi passeremo ai nomi. Abbiamo fatto bei passi avanti”. “Non vado a fare il ministro – ha detto – per il gusto di farlo, vado al governo solo se c’è un programma firmato nero su bianco, con i tempi, fissati, pezzo per pezzo”. “Matteo Salvini – ha sottolineato ancora – non sarà mai ostacolo alla nascita del governo: se devo fare un passo di lato io ci sono, lo farò”. Ma puntualizza: “Nel contratto c’è la difesa dei confini e credo che un ministro della Lega farà da garante”.

Salvini ha risposto anche sulla questione spread riferendosi a un titolo di ieri di Ft. “Il Ft dice che siamo barbari: io dico meglio barbari che servi. Stanno usando i soliti trucchetti, lo spread…Ma noi andiamo avanti. Non son nato per tirare a campare”.  “Lo spread sale? I soliti giochini della finanza, vuol dire che stiamo facendo bene…”.

IL VIDEO

A Montecitorio va avanti il lavoro del tavolo per mettere a punto il contratto di governo tra M5S e Lega. L’obiettivo è quello di chiudere il tavolo tecnico in giornata, come si è augurato arrivando alla Camera il capo della comunicazione M5S Rocco Casalino, che partecipa ai lavori. “Io credo che questa settimana deve essere risolutiva per forza e quindi daremo una risposta nei prossimi giorni” per poi tornare dal presidente Mattarella, ha detto Luigi Di Maio rientrando a Montecitorio dopo il pranzo. E sui timori europei rispetto a un esecutivo M5s-Lega ha aggiunto: “Questo è un governo che fa molta paura a chi vuole mantenere lo status quo”. 

In mattinata Beppe Grillo ha messo sui suoi profili social una sua intervista nella quale parlava della nascita di un governo M5s dicendo: ‘Ci vuole un po’ di tempo ma accadrà’. 

Ancora polemiche sulla bozza di contratto per il governo giallo-oro trapelata ieri.

Leggi Anche

Economisti USA VS Trump: dazi e nuove tariffe non favoriscono la ...

Economisti USA VS Trump: dazi e nuove tariffe non favoriscono la …

Aumentano sempre di più i dubbi delle imprese nei confronti delle politiche statunitensi. Gli economisti …