venerdì , luglio 19 2019
Home / Vacanze / La Digue, spiagge delle Seychelles

La Digue, spiagge delle Seychelles

La Digue, piccola e affascinante, uno dei gioielli delle Seychelle.

Le Seychelles sono una delle mete più ambite per chi vuol fare una vacanza da sogno a base di sole e mare, immersi in una natura quasi incontaminata, con un clima favorevole per la gran parte dell’anno. Si tratta di un arcipelago formato da una miriade di minuscoli isolotti, che ogni anno attirano migliaia di turisti e che sorge in mezzo all’Oceano Indiano, a largo delle coste dell’Africa orientale.

Si trovano a nord del Madagascar, e sono formate da 115 isole, circondate da altri stati insulari e da territori appartenenti a governi del continente, come Zanzibar, Maurizio e Riunione, tutte mete amatissime dai turisti. Ad una certa distanza, invece troviamo le Comore, Mayotte e molto più distante l’arcipelgo delle Maldive. Le Seychelle sono lo stato africano indipendente con la popolazione più esigua, meno di centomila abitanti e fondano gran parte della propria economia sul turismo. Tra le isole delle Seychelle, troviamo La Digue.

La Digue, cosa sapere

La Digue fa parte dell’arcipelago, ed è una delle isole più amate grazie alle sue bellissime spiagge, alla natura incontaminata e al fatto che è relativamente più protetta dagli effetti del clima tropicale, che nella stagione piovosa la rende poco appetibile per chi ha in mente di trascorrere una vacanza di tutto relax.

Si trova nella parte settentrionale dell’arcipelago a poca distanza dall’isola di Praslin.

Con appena 10 kmq di area, La Digue è la quarta isola per dimensioni dell’arcipelago, con una popolazione che tocca i 2.000 abitanti.

Il suo nome deriva da quello di una nave che faceva parte della flotta dell’esploratore francese Marc-Joseph Marion du Fresne che visitò l’arcipelago nel 1768, e trovandosi ad una certa distanza dalla parte più turistica delle Seychelles, è una delle più amate da chi cerca la tranquillità.

Il clima è tipicamente tropicale, con la stagione delle piogge che va da novembre a marzo, anche se il clima è umido e caldo per tutto l’anno ed una temperatura che, spesso mitigata dagli Alisei, si aggira sempre intorno ai 28-30 gradi.

La parte orientale dell’isola è meno esposta ai venti, visto che è protetta dalle modeste alture dell’interno, ma in generale, durante tutto l’anno, si può considerarla tranquilla.

Le spiagge di La Digue

Sull’isola si trovano parecchi resort di lusso, con bungalow da favola da cui è facilissimo raggiungere le spiagge, quasi tutti collocati nella parte orientale dell’isolotto, che è pianeggiante e ricoperta da una vegetazione rigogliosa e ben curata.

Per chi però vuol esplorare le bellezze offerte dalla natura di questa terra meravigliosa, bastano poche decine di minuti per ritrovarsi su spiagge da sogno con acque basse, tiepide e cristalline che rapiscono per sempre.

Visto il territorio estremamente piccolo, La Digue non ha moltissime spiagge, ma vanta alcuni degli scorci più affascinati dell’arcipelago. Fra i punti più belli, sicuramente da annoverare l’Anse Source d’Argent sulla costa occidentale con i suoi enormi di macigni di granito che escono dalla sabbia bianca e dall’acqua cristallina.

Andando verso il versante meridionale di questa minuscola isola troviamo l’Anse Bonnet Carré, una spiaggia piuttosto isolata e molto tranquilla, con un mare poco mosso e con acque poco profonde. La spiaggia si trova a riparo di una baia, che lo rende il luogo ideale dove rilassarsi in santa pace.

Sulla costa orientale, protetta da una baia, invece, troviamo l’Anse Cocos, per raggiungere la quale occorre fare un tragitto a piedi, lungo un sentiero riparato dalla lussureggiante foresta.

È ovviamente possibile raggiungerla anche in barca, ma percorrere le zone tranquille della giungla di quest’isola è un’esperienza da non perdere per godere al massimo del suo fascino esotico.

La Digue, vanta anche una fauna ricca e variegata, ed è possibile, raggiungendo la riserva protetta di Veuve, avvistare svariati esemplari di animali selvatici poco aggressivi ed abituati ad avere a che fare con gli esseri umani. Si può accedere al parco con una guida, che sarà ben lieta di indicare tutti gli esemplari da vedere.

Leggi Anche

Italiani Al Mare. Manifesti cinematografici 1949-1999

Add to Flipboard Magazine. L’originale mostra “ITALIANI AL MARE. MANIFESTI CINEMATOGRAFICI 1949-1999. Dalla Collezione Enrico …