domenica , maggio 26 2019
Home / Politica / L’assedio dei populisti a Bankitalia

L’assedio dei populisti a Bankitalia

Bankitalia “assediata” dal governo populista

New York, 17 apr 08:32 – (Agenzia Nova) – Il governatore della Banca d’Italia, Ignazio Visco, è in crescente difficoltà per l’impatto del governo populista e delle sue politiche sul settore finanziario italiano. Lo scrive “Bloomberg”, secondo cui Visco ha dovuto gestire “ripetute intromissioni” da parte della coalizione di governo di Movimento 5 stelle e Lega, che “è intervenuta nel processo delle nomine e ha messo in dubbio la proprietà delle riserve auree da 100 miliardi di dollari”.

Un “assalto prolungato alla Banca d’Italia” è in arrivo, secondo l’agenzia economica, che cita il docente di economia dell’Università Luiss di Roma Gianni Toniolo, secondo cui le attuali tensioni tra governo e Banca centrale “non hanno precedenti nella storia post-bellica dell’Italia“, così come lo scrutinio esercitato “sull’intero settore bancario – Banca d’Italia, regolatori e prestatori”.

Leggi l’articolo di Bloomberg

Ue-Italia: capo Eurogruppo Centeno esorta Roma alla prudenza nel bilancio

New York, 17 apr 08:32 – (Agenzia Nova) – L’Italia deve mantenere gli impegni di bilancio assunti in sede europea.

Lo ha detto ieri, 16 aprile, a Londra il capo dell’Eurogruppo Mario Centeno. “Ovviamente è ormai giunto in Italia il momento di provvedere all’esecuzione del bilancio e alla sua consegna, dobbiamo vedere alcune cose”, ha detto Centeno.

Riferendosi alla Germania, il capo dell’Eurogruppo ha suggerito come sia tempo di “utilizzare i margini di manovra per favorire una ripresa, in particolare del settore manifatturiero”: Berlino, ha detto Centeno, può impiegare parte del suo surplus di bilancio per stimolare la crescita.

Leggi l’articolo del New York Times

Credito: perché conviene fondersi con Monte dei Paschi

Madrid, 17 apr 08:32 – (Agenzia Nova) – Monte dei Paschi di Siena (Mps) sta offrendo alle banche italiane la possibilità di rilanciare i propri profitti.

Lo scrive il quotidiano economico spagnolo “Cinco Dias”, sottolineando che un’eventuale fusione dell’istituto di credito controllato dallo Stato con i rivali di dimensioni simili, come Ubi Banca o Banca Bpm, potrebbe aumentare i benefici combinati. Tuttavia, fa notare il giornale, i gruppi interessati temono l’interferenza dello Stato, o richieste miliardarie di denaro ai loro azionisti o ancora eventuali rischi legali.

Dubbi a parte, però, l’espansione delle attività è l’unico modo per superare i bassi rendimenti dei prestiti della stagnante economia del Belpaese. Il governo ha salvato la storica banca nel 2017, acquisendone il 68 per cento.

Ora, per evitare di violare le norme dell’Unione europea in materia di aiuti di Stato, è necessario che Mps venda le sue azioni entro il 2021.

Leggi l’articolo del Figaro

Salvini incassa adesione di altri tre partiti al suo progetto per le europee

Madrid, 17 apr 08:32 – (Agenzia Nova) – Il vicepresidente del Consiglio e leader della Lega, Matteo Salvini, ha annunciato ieri, 16 aprile, di aver registrato altre tre adesioni alla sua piattaforma per le elezioni del Parlamento europeo.

Si tratta del Partito della libertà austriaco (Fpo) di Heinz-Christian Strache, con il Partito popolare austriaco (Ovp) al governo a Vienna; del Partito popolare conservatore estone (Ekre) di Mart Helme e del partito slovacco Siamo famiglia di Boris Kollár. Lo riferisce il quotidiano spagnolo “La Vanguardia”, ricordando che lo scorso 4 aprile il leader leghista ha lanciato a Milano il progetto “Verso un’Europa del buon senso”, per unire le forze in vista delle europee del 26 maggio e costituire un futuro gruppo nazionalista al Parlamento di Strasburgo.

Leggi l’articolo della Vanguardia

Libano-Italia: presidente Parlamento Berri riceve ambascitore Marotti

Beirut, 17 apr 08:32 – (Agenzia Nova) – Il presidente del Parlamento libanese, Nabih Berri, ha ricevuto l’ambasciatore italiano a Beirut, Massimo Marotti. Secondo quanto riferito da una nota ufficiale, i colloqui con il diplomatico hanno riguardato le relazioni bilaterali e gli ultimi sviluppi locali e regionali.

Leggi l’articolo del Nashra

  

PANORAMA INTERNAZIONALE

 

Libia: Al Sarraj, 800 mila migranti potrebbero arrivare in Italia

Madrid, 17 apr 08:32 – (Agenzia Nova) – Fayez al Sarraj, il primo ministro del governo di accordo nazionale della Libia, ha avvertito che, secondo i suoi calcoli, almeno 800 mila persone, fra immigrati e libici, potrebbero cercare di raggiungere le coste italiane per sfuggire alla pressione delle forze del generale Khalifa Haftar. “L’Europa deve prepararsi a subire le conseguenze di ondate di arrivi ed è noto che potrebbero esserci anche criminali e jihadisti pronti ad attaccare”, ha detto al Serraj, in due interviste rilasciate al “Corriere della Sera” e alla “Repubblica”.

Le previsioni del premier, fa notare il quotidiano spagnolo “La Vanguardia”, sono state confermate anche dal vicepresidente del Consiglio presidenziale libico, Ahmed Maitig, che, da Roma, ha dichiarato che “l’assenza dei controlli alle frontiere potrebbe spingere molte persone ad attraversare il deserto” e a dirigersi in Italia. Maitig, riferisce il giornale, ha rilasciato tali dichiarazioni ieri, 16 aprile, a margine dell’incontro avuto con il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, e il ministro dell’Interno, Matteo Salvini.

Leggi l’articolo della Vanguardia

.

Leggi Anche

BASTA BLOCCHI POLITICO-ECONOMICI AMERICANI, CINESI, RUSSI ECC., MA SI FAVORISCA UNA COMUNITA’ MONDIALE

IL MIO PENSIERO PRIMA DI ANDAR A VOTARE.       Negli anni ’50 circa, …