sabato , maggio 25 2019
Home / Vacanze / L’Egitto non fa più paura ai turisti italiani, torna tra le mete dei vacanzieri

L’Egitto non fa più paura ai turisti italiani, torna tra le mete dei vacanzieri

Pronti via, c’è già aria di vacanza. Un italiano su due – in realtà un po’ di più (il 51%) – farà qualche giorno di vacanza durante il grande ponte di aprile.

Ma ben 9 italiani su 10, esattamente l’89%, andrà in vacanza questa estate. Con un aumento di un punto percentuale rispetto all’anno scorso, che vale ben 1 milione e mezzo in più di vacanzieri.

La ricerca, condotta per il terzo anno da Italiani.Coop per conto di Robintur, uno dei più importanti operatori turistici, conferma che le ferie sono un obiettivo importante per la maggioranza degli italiani anche in un momento di difficoltà economica.

Per 4 vacanzieri su 10, il ponte sarà in Italia e «low budget», solo pochi si recheranno all’estero con tutti i comfort, appena l’8%. Il 42% si recherà in città e luoghi d’arte, il 28% al mare, il 19% in montagna mentre il 9% ha scelto un tour o crociera.

Tra le mete dei vacanzieri ci sono conferme ma anche attesi ritorni. Se l’Italia rimane la meta preferita per le vacanze di Pasqua, gradita al 35% degli italiani, subito dopo si posiziona l’Egitto con l’8%.

Una meta che fino all’anno scorso era sparita dai radar dei tour operator per l’instabilità politica e il rischio terrorismo. Tra le città italiane la fanno da padrona Roma e Venezia, ma va forte pure la Basilicata con Matera Capitale della cultura europea 2019.

Conferme anche sul versante delle vacanze estive. Al primo posto rimane il nostro Paese seguito in Europa da Grecia, Spagna e Croazia, mete vantaggiose nel rapporto qualità prezzo.

Ma vanno sempre forte gli Stati Uniti e le Maldive. Anche se sono in grande crescita mete nuove come Oman e Albania.

Albino Russo direttore generale di Ancc-Coop guarda ai dati: «I venti di crisi di cui parlano in questi giorni i media sembrano non spegnere la voglia di vacanza degli italiani. Infatti l’89% degli intervistati tra i 18 e i 65 anni dichiara che andrà sicuramente o probabilmente in vacanza.

Sono il 4% in più di chi ha effettivamente fatto una vacanza lo scorso anno e se queste stime fossero confermate parleremmo di un milione e mezzo di incremento». Ma non tutti ci riusciranno.

Tra coloro che dovranno rinunciare alle partenze estive ben il 57% lo farà «perché non se lo può permettere», il 23% per «problemi di lavoro e studio», il 15% per cause «personali e familiari», il 12% «perché non ha voglia» e il 10% per motivi di salute. Loro sono glie esclusi, fuori da qualsiasi ipotesi di risparmio come è stato intercettato nella ricerca per Robintur.

Spiega ancora il dirigente di Acc-Coop: «Il turismo è centrale nelle scelte di consumo delle persone, possiamo dire che è il cibo per la mente degli italiani quindi per Coop è importante dare un servizio e una risposta a queste nuove esigenze. Un dato interessante ci dice che il 40% per andare in vacanza risparmia tutto l’anno anche nel carrello della spesa».

.

Leggi Anche

Vacanze in Sardegna: cosa vedere in una delle isole più belle d’Italia

Scritto da La Redazione Venerdì 24 Maggio 2019 11:27 Parlare di Sardegna, per noi del …