venerdì , luglio 19 2019
Home / Economia Finanza / Mercati cauti guardano a banche centrali

Mercati cauti guardano a banche centrali

(Teleborsa) – Si muove con cautela la seduta finanziaria odierna delle borse europee, così come a Piazza Affari, con gli investitori che guardano alle prossime mosse della Federal Reserve.
Sale anche l’attesa per il prossimo meeting della BCE del 25 luglio, che anticiperà di qualche giorno quello della banca centrale americana, di fine mese (30-31 luglio). Dagli ultimi verbali della riunione di inizio a giugno è emerso che l’istituto di Francoforte è “pronto ad agire”.

Sul mercato Forex, l’Euro / Dollaro USA continua la seduta sui livelli della vigilia, riportando una variazione pari a +0,11%. Lieve aumento dell’oro, che sale a 1.409,8 dollari l’oncia. Segno più per il petrolio (Light Sweet Crude Oil), in aumento dello 0,88%.

Sulla parità lo spread, che rimane a quota +199 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si posiziona all’1,72%.

Tra i listini europei Francoforte è stabile, riportando un -0,04%. Piccolo passo in avanti per Londra, che mostra un progresso dello 0,28%, seguita da Parigi +0,44%. Nessuna variazione significativa per il listino milanese, con il FTSE MIB che si attesta sui valori della vigilia a 22.187 punti.

In luce sul listino milanese i comparti materie prime (+0,93%), costruzioni (+0,90%) e media (+0,84%).

In fondo alla classifica, i maggiori ribassi si manifestano nei comparti utility (-0,81%) e alimentare (-0,75%).

In cima alla classifica dei titoli più importanti di Milano, troviamo Saipem (+1,70%), Pirelli (+1,60%), UBI Banca (+1,57%) e Fiat Chrysler (+1,09%) quest’ultima intende investire 700 milioni di euro per realizzare la Fiat 500 elettrica.

I più forti ribassi, invece, si verificano su Nexi, che continua la seduta con -1,02%. Giù Enel, con un calo frazionale dello 0,97%.

In cima alla classifica dei titoli a media capitalizzazione di Milano, Sesa (+4,23%), Cairo Communication (+3,48%), Cerved Group (+2,12%) e Brunello Cucinelli (+1,87%) che ha svelato i ricavi preliminari del primo semestre 2019.

Le peggiori performance, invece, si registrano su Falck Renewables, che ottiene -2,29%. Vendite su Inwit -1,37%.

(Teleborsa) 12-07-2019 10:48

Leggi Anche

Australia, segnali di debolezza dal mercato del lavoro

(Teleborsa) – La crescita dei posti di lavoro in Australia è stata più debole del …