Home / Cucina / Patate dolci: proprietà, calorie e come cucinare la patata americana
Patate dolci: proprietà, calorie e come cucinare la patata americana

Patate dolci: proprietà, calorie e come cucinare la patata americana

Patate dolci o americane, una variante alternativa alle più comuni patate che si presta alla realizzazione di diverse ricette dolci e salate. Conosciamole meglio anche in quanto a proprietà e benefici.

Sotto il nome di patate dolci, patata americana o batata si nasconde la specie botanica della Ipomea batatas, una radice tuberosa dal sapore dolce e ricco di amido. Con la patata comune condivide in realtà solo il nome, la forma simile e la consistenza ma in realtà si tratta di due famiglie diverse. La patata americana non appartiene infatti alle Solanacee ma alle Convolvulaceae.

L’origine di questo alimento è da ricercare nelle aree tropicali americane (da qui il suo nome) anche se attualmente viene coltivato un po’ in tutto il mondo, Italia compresa (nota la patata americana di Puglia o quella del Veneto).

Il colore della buccia può variare dal rosso-aranciato, al marrone al bianco mentre la parte interna può essere gialla, arancione e anche violacea.

Ma vediamo adesso più da vicino le proprietà delle patate dolci.

Patate dolci, proprietà

Le patate dolci sono ricche di sostanze benefiche per il nostro organismo che gli conferiscono diverse proprietà. La presenza di fibre, ad esempio, fa sì che la batata possa rivelarsi utile in caso di stipsi mentre la presenza di vitamina A, B6 e C oltre che di sali minerali come magnesio, potassio, calcio, manganese e fosforo la rendono un buon integratore naturale.

L’associazione americana Center of Science in the Public Interest (CSPI) in una classifica di qualche anno fa sui vegetali più salutari ha messo proprio le patate dolci al primo posto. Gli esperti hanno valutato l’elevata concentrazione di sostanze benefiche non solo all’interno ma anche e soprattutto nella buccia di queste radici tuberose.

Il caratteristico colore arancione delle patate dolci più comuni è dovuto alla ricchezza in carotenoidi, sostanze dal potere antiossidante. Il potere anti-age della patata americana è rafforzato anche dalla presenza di altri flavonoidi e antociani.

Un vantaggio che offrono le patate dolci rispetto alle patate comuni è quello di avere un indice glicemico più basso.
Nella buccia, poi, si trova una sostanza detta Cajapo, che ha effetti benefici sulla riduzione del colesterolo e della glicemia.

Ricapitolando le patate dolci sono:

ricche di minerali e vitamine
ricche di fibre
antiossidanti
hanno indice glicemico più basso delle comuni patate
la buccia riduce colesterolo e trigliceridi

Patate dolci, valori nutrizionali

Le patate dolci sono ricche di minerali e contengono in particolare alcuni tipi di vitamine. Sono invece povere di grassi.

Grassi 0,1 g di cui
Acidi grassi saturi 0 g
Acidi grassi polinsaturi 0 g
Acidi grassi monoinsaturi 0 g
Sodio 55 mg
Potassio 337 mg
Carboidrati 20 g
Fibra alimentare 3 g
Zucchero 4,2 g
Proteine 1,6 g
Vitamina A 187 IU
Vitamina C 2,4 mg
Calcio 30 mg
Magnesio 25 mg
Ferro 0,6 mg
Vitamina D 0 IU
Vitamina B6 0,2 mg
Vitamina B12 0 µg

C’è chi ritiene tra l’altro che la patata dolce a polpa arancione fortificata con vitamina A, opera recente di alcuni ricercatori, potrà contribuire a contrastare la fame nel mondo. 

Patate dolci, calorie

100 grammi di patate dolci bollite forniscono al nostro organismo circa 80 calorie. Si tratta in particolare di carboidrati complessi ma anche di una discreta dose di proteine (circa il 5%) e un quasi nullo apporto di grassi. La patata americana è dunque un alimento che può consumare anche chi è a dieta.

Come cucinare la patata americana

Dato che non fa parte della nostra tradizione può sembrare difficile utilizzare la patata americana in cucina, in realtà si tratta di un ingrediente che si presta bene a sostituire nelle ricette le più comuni patate o la zucca. Il sapore e la consistenza della batata è infatti a metà strada tra questi due alimenti.

Provate quindi a preparare delle patate dolci al forno, oppure tagliatele a listarelle e friggetele al pari delle comuni patatine (potete realizzare anche delle chips) o ancora lessatele e conditele con olio sale e limone. Le batate lesse si possono anche schiacciare con un passapatate per realizzare un originale purè arancione.

Un’altra idea è quella di realizzare con le patate americane le baked potatoes, ovvero le patate al forno ripiene a seconda dei vostri gusti con formaggio, verdure, ecc. oppure una zuppa di batate o ancora arricchire il vostro pane con il sapore delicato di questo tubero. 

C’è però una cosa importante da sapere: a differenza delle normali patate, le batate possono essere consumate anche crude meglio ancora se insieme alla loro buccia (ottima in quanto a proprietà), naturalmente ben lavata. Provatele ad esempio aggiunte a pezzettini in un’insalatona.

Per quanto riguarda le ricette dolci le batate si prestano bene alla realizzazione di muffin e torte visto il loro gusto delicato e dolciastro.

Ricapitolando le patate dolci si prestano alla realizzazione di:

Patate al forno
Patate fritte a listarelle o chips
Purè
Baked potatoes
Zuppe
Crude nell’insalata
Muffin
Torte

Sulle patate e altri tuberi della salute potrebbe interessarvi anche:

PATATE VIOLA: LE FANTASTICHE PROPRIETÀ E COME CUCINARLE PER VALORIZZARE I BENEFICI
I 5 TUBERI DELLA SALUTE
NON SOLO PATATE! 12 TUBERI E RADICI SALUTARI DA INTRODURRE NELLA PROPRIA DIETA 
Dove trovare le patate dolci

Non è sempre facile trovare le patate dolci nei supermercati o al mercato. Recatevi da coltivatori ben forniti o nei negozi di agricoltura biologica.

Francesca Biagioli

Leggi Anche

Segui Puntarella Rossa Firenze su Facebook

Segui Puntarella Rossa Firenze su Facebook

Nuove aperture Firenze novembre 2017. Sotto il profilo gastronomico, tra nuovi locali e cambi di menu, Firenze si conferma anche …