lunedì , maggio 20 2019
Home / Politica / Risoluzioni bancarie, l’italiano Laviola nel board dell’Autorità Ue

Risoluzioni bancarie, l’italiano Laviola nel board dell’Autorità Ue

Laviola viene dalla Banca d’Italia, è stato attaché finanziario nella Rappresentanza permanente italiana a Bruxelles dal 2012 e ha seguito i principali dossier finanziari. Ha avuto la meglio, in dicembre, sul candidato irlandese durante l’audizione informale in commissione Problemi economici del Parlamento Ue, guidata da Roberto Gualtieri. A quel punto la Commissione Ue lo ha indicato come candidato. È seguita un’audizione pubblica sempre in Commissione Econ, in cui Laviola è passato con quasi l’80% dei voti. Ieri la plenaria del Parlamento ha approvato la sua nomina con 312 voti favorevoli, 156 contrari e 90 astensioni. Ultimo passaggio, il voto in Consiglio. Ieri erano in calendario altre due nomine ai vertici delle istituzioni economiche. Quella dell’irlandese Philip Lane, governatore della Banca centrale di Dublino, a membro del comitato esecutivo della Bce al posto del tedesco Peter Praet, di cui probabilmente prenderà anche l’incarico di capoeconomista. E la nomina dello spagnolo José Manuel Campa a presidente dell’Autorità bancaria al posto di Andrea Enria che è passato alla guida della Vigilanza della Banca centrale europea.

Leggi Anche

Perché la produttività è il vero male dell’economia italiana (e no, l’Euro non c’entra nulla)

Ci avviciniamo alle elezioni europee e c’è una frustrazione diffusa: il dibattito economico in Italia …