sabato , maggio 25 2019
Home / Vacanze / Salento, calano le prenotazioni per le vacanze al mare

Salento, calano le prenotazioni per le vacanze al mare

Le prenotazioni per le vacanze al mare nel Salento sono ferme. Questo il dato che viene registrato dagli addetti ai lavori, quando la metà del mese di maggio è già stata superata. Un periodo, questo, che, negli anni passati, già dava il termometro dell’estate, in particolare, e delle presenze del mese di giugno, in generale. «Ad oggi, non ci sono prenotazioni, o sono molto poche, per le vacanze al mare» fa sapere il tour operator Giovanni Serafino, delegato all’Internazionalizzazione di Confindustria Lecce. Un dato che, bisogna dire, non discrimina il Salento ma, purtroppo, lo mette in linea con la situazione del resto d’Italia, quanto a segmento mare. Non ci sono flessioni, invece, per il periodo di luglio e agosto, per il quale le prenotazioni restano in linea con gli anni passati.

Quali le ragioni per questo insuccesso delle vacanze al mare di primavera? Sono più di una. Intanto il tempo, che decisamente porta ad organizzare, nell’immediato e nel breve termine, una vacanza nelle città d’arte o in campagna. Le temperature non invogliano affatto a stare in spiaggia, senza contare la pioggia.
Poi, l’altra ragione per la quale viene rinviata la prenotazione per la vacanza al mare, è la scadenza elettorale del 26 maggio prossimo. «È una questione psicologia, per chi si muove, soprattutto per gli italiani – fa sapere Serafino – si preferisce evitare di soggiornare nei territori interessati da competizioni elettorali, in concomitanza con il voto, rinviando la decisione della vacanza».

Ma la ragione più preoccupante, proprio sotto il profilo turistico, è il ritorno in auge dei Paesi del Mediterraneo. «Sono fortemente in ripresa le aree di concorrenza – spiega Serafino – quei territori che negli ultimi anni erano stati messi da parte soprattutto per i timori legati al terrorismo internazionale. Parliamo della Tunisia, del Marocco, dell’Egitto, della Turchia, ma, sopratutto, dell’Albania. I nostri dirimpettai stanno migliorando l’offerta turistica, rimanendo in standard di costi decisamente inferiori ai nostri. Una vacanza al mare in Albania, che sta cominciando ad offrire anche buoni servizi, pesa molto meno dell’equivalente salentina nelle tasche di una famiglia».
In questi giorni, se in centro, a Lecce, i turisti ci sono, ed anche numerosi, le località di mare sono desolate e non ci sono schiarite in vista. «Per il mese di giugno non ci sono prenotazioni, o sono molto poche, nelle località di mare – conferma Serafino – sia lungo l’Adriatico sia lungo lo Jonio. Non ci sono nei villaggi, se non in un paio di eccezioni, e non ci sono negli alberghi».
Si può correre ai ripari? Probabilmente offerte last minute potranno ridare vigore a queste settimane che, solitamente, offrivano già scenari estivi sulle spiagge. Invece, i turisti ammirano chiese e monumenti indossando i piumini, sotto l’ombrello.

Leggi Anche

Vacanze in Sardegna: cosa vedere in una delle isole più belle d’Italia

Scritto da La Redazione Venerdì 24 Maggio 2019 11:27 Parlare di Sardegna, per noi del …