Home / Cucina / Sapori della Campania, ecco la guida di Repubblica
Sapori della Campania, ecco la guida di Repubblica

Sapori della Campania, ecco la guida di Repubblica

C’È una Campania particolarmente felix. Prende forma a tavola, nei mille cenacoli del gusto che attraversano il territorio di una regione in cui saperi e sapori si intrecciano, da millenni. Per raccontarla arriva nelle edicole e librerie di tutta Italia, da venerdì 21 luglio, la nuova Guida di Repubblica ai sapori e ai piaceri della Campania. Molto più di una semplice guida, un vero e proprio passepartout per il mondo dell’enogastronomia di Napoli e delle isole del golfo, di Salerno e Caserta, Benevento e Avellino.

Con alcuni Cicerone d’eccezione, a cominciare da Renzo Arbore, che racconta la “sua” Campania del gusto in una intervista di dodici pagine: suggestioni del passato (le vacanze da adolescente tra Ischia e Amalfi, la pizza fritta nei vicoli del centro storico, le colazioni al bar California di Santa Lucia) e un vero e proprio inno alla cucina “made in Napoli”. Al punto che – sottolinea il direttore delle Guide di Repubblica, Giuseppe Cerasa – «fa riflettere la sua ostinazione a non rassegnarsi alla Napoli del no, delle cose che non vanno e a tifare e a impegnarsi per la Napoli del sì, per rilanciare nel mondo il meglio del made in Sud, che trova in Campania i testimoni più prestigiosi ».

Tra questi, nelle pagine della Guida compaiono i generosissimi racconti di Lina Sastri ed Erri De Luca, Serena Autieri e Giobbe Covatta, Diego De Silva e Giuliana De Sio, Iaia Forte, Vincenzo Salemme e Marisa Laurito. Irresistibili i loro “Itinerari d’autore”, consigli per orientarsi dedalo del gusto, abbandonando i cliché da cartolina.

Ma la guida è soprattutto uno strumento utile per scegliere, accompagnando il lettore attraverso 765 indirizzi segnalati tra pizzerie e ristoranti, un microcosmo di sapori che si rinnovano (355 le voci nuove: premiano un settore in continuo fermento). Compare una sezione nuova dedicata alle “dimore di charme”, 89 posti selezionatissimi (relais, hotel e bb storici) dove dormire cullati dalla bellezza. Costiera sorrentina, isole di Capri, Ischia e Procida e Costa d’Amalfi meritano tre “focus” dedicati: enclave riconosciuti e riconoscibili, il mondo passa di qui. E poi le sezioni classiche: Pizzerie, Caffè e Pasticcerie (con 140 indirizzi) e lo Street Food, che qui più che altrove segue il solco di una lunga ed effervescente tradizione. E ancora: 21 Pastifici e 224 Botteghe del Gusto, luoghi privilegiati per assaggiare i prodotti tipici. Ma questa è anche terra di vini: la Guida li omaggia raccontando 68 produttori.

Si incontrano poi, nelle pagine della Guida, riti e miti di una regione che unica. I primi si traducono nei “Piatti della Memoria”,

ricette- totem – dalla pizza si scarole al polpettone napoletano – raccontate da mamme e nonne. Con loro, anche 46 tra i più importanti chef della regione, da Nino Di Costanzo a Gennaro Esposito, che hanno accettato di svelare segreti e curiosità delle loro “Ricette”. Quanto ai miti, una sezione ad hoc – gli “Itinerari del mito” – parte da leggende e storie antiche per suggerire percorsi culinari che tocchino luoghi di interesse storico e naturalistico.

Leggi Anche

Al via a Treviso la prima Coppa del mondo di tiramisù

Al via a Treviso la prima Coppa del mondo di tiramisù

ROMA – Dalla terra che ha visto nascere uno dei dolci più conosciuti e amati …