sabato , ottobre 20 2018
Home / Economia Finanza / TRUMP: LA FED E’ IMPAZZITA! BENVENUTI AD OTTOBRE ROSSO!

TRUMP: LA FED E’ IMPAZZITA! BENVENUTI AD OTTOBRE ROSSO!

E venne il giorno della consapevolezza, solo un assaggio di quello che accadrà nei prossimi anni, un assaggio di cosa significa contare su un sistema passivo, un mondo come quello dell’investimento esclusivamente a benchmark, dove il gregge segue il suo destino, senza alcuna riflessione, tutti dietro un’unica scommessa.

WATCH— President Trump: “I think the Fed is making a mistake. They’re so tight. I think the Fed has gone crazy…” https://t.co/ocRLvd570D pic.twitter.com/oWWwpz96G3

— CNBC Now (@CNBCnow) October 10, 2018

E si, l’uomo che in campagna elettorale metteva in guardia gli elettori americani da una terrificante bolla nei mercati azionari, l’uomo che urlava alla demenziale politica monetaria dei tassi troppo bassi a favore di Obama, l’uomo che recentemente ad ogni record di Wall Street urlava tutta la sua gioia, attribuendosi il merito di questa meraviglia, ieri ha esclamato che la Federal Reserve è impazzita.

Trump: la Fed “è impazzita” nel volere alzare i tassi https://t.co/ZH401WBDAC

— WallStreet24 (@24WallStreet) October 10, 2018

Donald Trump sembra non avere dubbi. La Federal Reserve “è impazzita” nel volere continuare ad alzare i tassi. Per la seconda volta in 24 ore, il 45esimo presidente americano è tornato a criticare la normalizzazione della politica monetaria della banca centrale americana, incominciata sotto la guida di Janet Yellen nel dicembre 2015. Soltanto ieri aveva detto che “non dobbiamo andare così veloci” nell’aumentare il costo del denaro, alzato l’ultima volta il 26 settembre scorso di 25 punti base al 2-2,25%. In quell’occasione la Fed segnalò un’altra stretta nel 2018 e altre tre nel 2019.

Parlando alla stampa mentre scendeva dall’Air Force One che lo ha portato in Pennsylvania per l’ennesimo comizio, Trump ha affermato: “Credo che la Fed stia facendo un errore. [La sua politica monetaria] è così stringente. Credo sia impazzita”. Il governatore Jerome Powell, la versione repubblica di Yellen scelta proprio da Trump, non la pensa così”.

Direi che l’ultimo Machiavelli di settembre è stato profetico in tal senso!

Ovviamente si tratta solo di una correzione, dietro l’angolo c’è Babbo Natale, non possono permettersi di arrivare a Natale con la borsa in pezzi, anche se non è detta l’ultima parola, questa caduta ha fatto danni rilevanti a livello tecnico.

Disintegrate tutte le medie mobili, Dow quella a 50 giorni, SP500 quella a 100 giorni, e Nasdaq, Small Caps e Dow Transports quelle a 200 giorni.

Era dal 2011 che il Nasdaq non subiva scosse così violente, l’intensità del crollo è superiore a quello di febbraio, i FANG sono tornati al livello di marzo, si sale per le scale, si scende con l’ascensore in soli cinque giorni.

La caduta degli dei, dei titoli tecnologici sfiora il 5 %, una botta considerevole al risparmio gestito mondiale, puntare solo ed esclusivamente su chi ha tenuto in piedi per tutto l’anno il mercato americano, mentre la maggioranza dei titoli è in negativo si è rivelato fatale.

Ma il mercato è la sintesi delle pulsioni umane, della follia umana, euforia e depressione, si sale con le scale, si scende con l’ascensore, vediamo se è un revival di quanto accaduto a febbraio, un assaggio di quello che accadrà nei prossimi anni.

I rendimenti sono scesi, nulla di trascendentale, ma il movimento è interessante, vista la fede nel rialzo dei tassi.

Quello che a noi interessa che l’araba fenice sta finendo arrosto, vediamo se la tirano fuori dal forno prima che diventi davvero cenere!

L’appuntamento con la storia è dietro l’angolo, se l’euro non sarà in grado di mantenere intatta quota 1,095 sarà la fine della moneta unica, metterà in dubbio la sua stessa sopravvivenza. Nulla di particolare, semplici divagazioni tecniche!

Nel frattempo in Italia, abbiamo i profeti del senno di poi, le Agenzie di rating che si fanno intervistare dalla carta straccia italiana, una maniera come un’altra per dire che se ne fottono delle regole, il loro è un business, poco importa se l’ agiotaggio è una reliqua del passato, invece di fare il loro lavoro professionalmente in silenzio e poi comunicare a mercati chiusi, le loro inutili conclusioni, questi signori fanno le star con la pelle della gente.

Che paura Ragazzi! Da Fitch e Moody’s preavviso di taglio del rating https://t.co/aTidwof245

— Andrea Mazzalai (@icebergfinanza) October 10, 2018

Io me lo immagino un medico che gioca d’azzardo con la salute dei suoi pazienti, chiedendo rigore e penitenza in punto di morte, non si fanno interviste a personaggi che la storia ha squalificato, gente che si vende per quattro soldi e un rating.

Carige, Fitch peggiora il rating: fallimento possibilità concreta https://t.co/l6cGyZuhVa pic.twitter.com/68XvBLGcly

— IlSole24ORE (@sole24ore) October 10, 2018

Fitch, manovra: rischi consistenti da obiettivi deficit https://t.co/7T3O6b0agI pic.twitter.com/YLi1zZFZkF

— IlSole24ORE (@sole24ore) October 10, 2018

 

SOSTIENI IL NOSTRO VIAGGIO!

Leggi Anche

Bce, necessaria politica monetaria accomodante con graduale …

FRANCOFORTE, 11 ottobre (Reuters) – La Banca centrale europea deve mantenere una politica monetaria accomodante, …